Canneto di Caronia, continuano gli incendi

Share

Gli abitanti della piccola frazione di Canneto di Caronia ( ME ) continuano a non avere pace. Dopo gli ultimi proclami degli organi competenti che stanno svolgendo le indagini in loco, verificando anche le condizioni sanitarie dei residenti, dopo l’ allontanando dalle case interessate dagli incendi dei residenti, adesso il presidio della Protezione Civile, che stazionava nella piccola frazione 24 ore su 24, da lunedi 15 Settembre non c’ e’ piu’. E nel frattempo gli incendi non si fermano, negli ultimi giorni, altri incendi hanno interessato la piccola borgata, giorno 17 settembre ha preso fuoco in maniera anomala un tubo in pvc della misura di 65 cm. di diametro, che si e’ improvvisamente liquefatto provocando un piccolo incendio alle sterpaglie, il tutto a pochi metri dalle case di Canneto, mentre giorno 22 settembre, all’interno di un magazzino, un ombrellone è stato incenerito dalle fiamme. Alle 10 il suono dei sensori ha scatenato panico e paura in via del Mare dove in quel momento non si trovava nessuno se non l’imprenditore Rossello che, insieme al figlio, ha portato fuori l’ombrellone. Il magazzino è di proprietà della signora Cangemi, anziana vedova di 90 anni, la cui abitazione è stata sgomberata una settimana fa.

Il sindaco Calogero Beringheli ha immediatamente informato dell’accaduto il capo della Protezione civile nazionale Franco Gabrielli. Dopo che la Protezione civile è andata via da Canneto è scattata e prosegue la protesta. Il sindaco è rimasto, due notti addietro, con i residenti della tormentata frazione e la decisione è stata criticata aspramente dal senatore del Nuovo Centrodestra Bruno Mancuso che, in una nota, l’ha definita “sconcertante”.

Perche’ fa paura ammettere che il Dossier Canneto di Caronia redatto dal C.N.R. nel 2007 abbia veramente tra le sue righe la verita’ che tutti vogliono tenere nascosta? E possiamo ritenere che gia’ qualcosa di anomalo la percepi’ Guglielmo Marconi, che nell’ inverno del 1908 a bordo del piroscafo CARONIA ( che coincidenza ) al largo di Lipari, fu nell’ impossibilita’ di mandare segnali radio verso la Sicilia, perche’ i segnali ” rimbalzavano ” indietro, come se davanti le coste sicule di Caronia vi fosse un muro impenetrabile che non permetteva di ricevere il segnale? Segnale che rimbalzando venne captato in Inghilterra e in Olanda. Spesso le verita’ sono scomode, e probabilmente i misteriosi incendi di Canneto di Caronia fanno parte di queste scomode verita’, ma per rispetto di chi sta’ subendo ingiustamente bisogna fare chiarezza.

 

http://www.glpress.it/wordpress/?p=86103

http://misteryworld.altervista.org/canneto-caronia-continuano-gli-incendi/

 

Share