COMUNICATO STAMPA: Adam is Real and Alive

Roma, 13 dic. 2014 (Seven Network) – In relazione al post pubblicato dal sig. Leo Lyon Zagami sulla propria bacheca facebook il 3 dicembre, che chiama in causa la mia persona in relazione alla figura di Adam Kadmon e fa riferimento alla mia personale esperienza con lui, ritengo doveroso precisare, per la collettività e per chi segue e condivide i principi diffusi dallo stesso Adam, quanto segue:

1) contrariamente a quanto asserito dal sig. Zagami non esiste alcun “progetto Adam Kadmon” ed eventuali pagine che riportano o si rifanno a tale denominazione non sono riconducibili in alcun modo ad Adam.

L‘unica pagina gestita da amministratori di fiducia di Adam è quella all’indirizzo https://www.facebook.com/pages/Adam-Kadmon/125155200883260 con oltre 150 mila iscritti, fra quelle autorizzate dal blog ufficiale e indicate qui: http://777babylon777.blogspot.it/p/importante-avviso-ai-fans-di-adam-kadmon.html

ll gruppo di persone che gestisce le pagine ed alcune attività in rete per conto di Adam è in contatto diretto con lui. Questo non significa che non esista un vero Adam Kadmon, anzi la mia personale esperienza può testimoniare il contrario, anche se non ho avuto il piacere di conoscerlo personalmente, fortuna che invece ha avuto Claudio Cavalli e gli autori dei programmi televisivi che si avvalgono delle sue consulenze nell’ambito della storia delle religioni, religione comparata, esoterismo e teorie della cospirazione.

Il post pubblicato da Leo Lyon Zagami
Il post pubblicato da Leo Lyon Zagami

 

2) a riguardo dell’esistenza di “2 VOCI DIVERSE DI ADAM” fu spiegato già al tempo della stessa messa in onda delle teorie di Adam Kadmon su Radio 105 direttamente sul blog di Adam Kadmon e successivamente spiegato dallo stesso doppiatore Christian Iansante, durante l’estate del 2011, intervistato sempre su Radio 105 proprio da Marco Mazzoli.

Ci meraviglia che il sig. Leo Zagami ne sia all’oscuro al punto da ipotizzare complotti e misteri dove in realtà non ve ne sono affatto.

Lo stesso Zagami si contraddice quando riferisce che io ho detto di essere in possesso della registrazione della voce passatami dal vero Adam Kadmon e non dal doppiatore; ciò conferma quindi che esiste un “vero” Adam.

La voce di Adam che ascoltiamo è la sua ed è la stessa fin dalla prima edizione di “Mistero”, che fu trasmessa il 4 Gennaio 2011.

 

Pagina Wikipedia su Adam Kadmon
Pagina Wikipedia su Adam Kadmon

Adam ha scelto, come del resto è suo diritto e i recenti accadimenti gli danno totale ragione, di mantenere l’anonimato in quanto fin dalla sua prima apparizione su internet è stato oggetto di persecuzioni, diffamazioni, calunnie e minacce, come perfettamente verificabile navigando sul web, da parte di persone che sono contrarie alla sua divulgazione di valori di RISPETTO RECIPROCO e NON VIOLENZA. Tale forma di persecuzione si è acuita ancor più da quando ha iniziato a divulgare tali valori anche dalla televisione, prima da “Mistero” e oggi da “Adam Kadmon Rivelazioni”.

In particolare ritengo che il fatto che certe tematiche vengano affrontate pubblicamente, in prima serata su un network nazionale, inizi a dare fastidio a molti.

Adam divulga le sue teorie presentandole come “fiabe”, ma è innegabile che parlare di certi argomenti possa aiutare la collettività ad aprire gli occhi su realtà alle quali continua ad essere riservata poca attenzione, stimolandoci all’approfondimento ed evitandoci l’appiattimento cerebrale di orwelliana memoria.

3) la nostra collaborazione con Adam si riferisce in particolare al fatto che Adam ospita gentilmente sul suo blog ufficiale lo streaming della nostra web radio, cosa della quale ha usufruito anche Leo Zagami, quando abbiamo ospitato la sua trasmissione “Illuminati News” nella nostra programmazione, che fieramente pubblicizzava dalla sua pagina il fatto che lo streaming audio della sua trasmissione potesse essere ascoltato anche dal blog ufficiale di Adam Kadmon.

Al tempo Zagami stimava Adam Kadmon, quindi non si capisce a cosa sia dovuto tutto questo accanimento.

Questo ritenevo doveroso precisare a chiarimento di quanto riferito alla mia persona; per il resto delle affermazioni esternate da Leo Zagami, tra cui l’ipotesi che dietro l’identità di Adam Kadmon si potrebbe celare Ade Capone, non sono concetti espressi dal sottoscritto, ma frutto delle elucubrazioni del sig. Zagami, dalle quali sono del tutto estraneo.

Mi permetto di fare una ulteriore precisazione, in merito ad un vicenda che negli ultimi giorni sta animando le discussioni sul web, mi riferisco alla morte del carabiniere Luis Miguel Chiasso, sulla quale la nostra testata giornalistica sta conducendo un’inchiesta, con l’intento di far luce su un caso ignorato dalla gran parte dei media nazionali.

In relazione all’ipotesi avanzata da molti secondo la quale Luis era Adam, mi accodo alla smentita ufficiale di Adam pubblicata il 30 novembre 2014 sul suo blog (http://777babylon777.blogspot.it/2014/11/la-verita-assoluta-su-adam-kadmon.html), e mi auguro che la vicenda venga trattata con il dovuto RISPETTO e SERIETA’.

ScreenHunter_133 Dec. 11 14.14
Il comunicato pubblicato su blog ufficiale di Adam Kadmon

 

Anche a seguito di comunicazioni intercorse direttamente con Adam negli ultimi giorni, ribadisco che Luis e Adam non erano la stessa persona.

Faccio notare che successivamente al momento nel quale sarebbe avvenuta la morte di Luis, risulta siano state accettate richiese di amicizia dal suo profilo facebook e per quanto riguarda l’ultimo messaggio pubblicato prima di morire, esattamente il 25 novembre alle ore 20,30 ( https://www.facebook.com/luismiguel.chiasso/posts/10205095708814463?pnref=story ) contenente un esplicito riferimento ad Adam, a mio parere potrebbe essere stato scritto da qualcun altro, con l’intento di strumentalizzare la tragica vicenda e colpire Adam.

Ritengo che sia in atto una campagna denigratoria nei confronti di Adam, una vera e propria macchina del fango che stà strumentalizzando la morte di Luis con l’intento di ridicolizzare Adam e di conseguenza i concetti da lui divulgati.

La sera nella quale è morto Luis, mi risulta che il sito del fanclub www.adamkadmon.it , che come spiega lo stesso Adam e come risulta da apposito disclaimer nel sito, è gestito da fans, è rimasto senza volerlo offline per qualche giorno, come del resto riferito anche da Claudio Cavalli, autore della trasmissione “Mistero”, intervistato sulla vicenda.

Si noti come moltissimi blog abbiano invece scritto che la caduta del sito fosse prova della morte di Adam.

In realtà sembra essersi trattato, su dichiarazione stessa del suo proprietario, di un eccesso di visite che il provider potrebbe aver scambiato per malware, oppure di un attacco hacker. Ciò che occorre rilevare però è come questo incidente tecnico sia stato usato da taluni per insinuare che fosse la prova che Adam fosse morto, nonostante risultasse chiaro da disclaimer che il sito non appartiene ad Adam Kadmon ma sia appunto gestito da fans.

Inoltre la ragione per cui Adam Kadmon non ha smentito dalla televisione quanto è accaduto, è perché ha deciso di non fare pubblicità ad alcune persone che sul web, fra cui addirittura alcuni giornalisti che vivono creando bufale, si prefissavano di trarre forme di vantaggio dalla bufala della morte di Adam, qualora lui fosse caduto nella trappola di smentire quanto accaduto dinanzi a milioni di ascoltatori.

Si noti altresì che nessun mass media ha riportato la notizia, proprio perché tutta la notizia della morte di Adam Kadmon è considerata, come effettivamente è, una bufala.

Dalle prove raccolte fino ad ora e dalle testimonianze rese da persone molto vicine a Luis, le circostanza in cui sarebbero avvenuti i fatti del 25 novembre, sembrerebbero ancora avvolte nel mistero.

Molti tra i suoi migliori amici affermano che da ormai un paio di mesi Luis asseriva che lo avrebbero ucciso, sorte che sembrerebbe capitata anche ad una sua collega con la quale collaborava a stretto contatto, qualche settimana prima.

Gli amici descrivono Luis come una persona seria ed equilibrata, che non ha mai manifestato alcun problema di salute mentale, che evidentemente non gli avrebbe consentito di continuare a svolgere il proprio lavoro.

Mi sento di poter affermare che sicuramente Luis ammirava Adam, aveva un profondo rispetto per la vita e cercava di divulgare i medesimi principi.

Per concludere riportiamo un pensiero pubblicato da Luis sul suo profilo facebook il 16 ottobre 2014 (https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10204823205842059&set=a.10204980838942788&type=1&theater), che utilizzando parole simili, ricalcava quanto pubblicato da Adam il 19 maggio 2012 sul suo blog (http://777babylon777.blogspot.it/2012/05/la-violenza-non-elimina-i-problemi.html) , sul quale scriveva ancora prima di apparire in televisione e attraverso il quale divulga fino dal 2009 valori di RISPETTO RECIPROCO e NON VIOLENZA.

 

Il post sul profilo facebook di Luis Miguel Chiasso
ScreenHunter_133 Dec. 11 14.31
Blog Ufficiale di Adam Kadmon

 

Federico Carbone

About Federico Carbone 6 Articoli
Giornalista
  • ISIS=USA

    Certamente ! adam kadmon è vivo ! nel senso che è vivo l’attore teatrale che lo impersona davanti alla telecamere.
    Ma uno dei due informatori segreti della redazione, ovvero il 50% del cervello di adam kadmon è morto ammazzato.

  • Laura

    Ottimo articolo che mi auguro chiarirà meglio la persona di Adam e aiuterà a comprendere quel sottile meccanismo che spesso si nasconde dietro gratuite e infondate accuse che alcuni individui, pur di creare audience, sono pronti a rilasciare. Purtroppo questo tipo di messaggi sortiscono un effetto alquanto catastrofico ai danni di colui che al contrario, cerca di divulgare un messaggio di pace e d’amore e ai danni di coloro che voglio fare dell’ottima stampa divulgativa. Grazie di esistere.

  • Gesù

    Basta con queste guerre mediatiche. La verità concreta è che tutte le persone positive che nel loro piccolo cercano di migliorare il mondo sono Adam. Noi stessi siamo Adam se cerchiamo di migliorare il mondo nel rispetto reciproco. Adam è nel cuore di tutte le persone e non morirà MAI.

  • Maria Grazia di Marzio

    Esprimo apprezzamenti al comunicato stampa di Federico Carbone e simpatia per Adam Kadmon